Il libro d’oro 2009

by Francesca on 04/01/2010

Come negli ultimi due anni (2007; 2008) pubblico qui di seguito il commento con cui Teoz ha assegnato il suo personalissimo premio al libro più bello letto nel 2009.

Dico subito che non ho letto il romanzo vincitore, e nemmeno i libri oggetto di menzione speciale, sicché non posso esprimere un mio parere – non ancora. Personalmente il libro più bello che ho letto quest’anno è, senza dubbio, La famiglia Winshaw, di Jonathan Coe.

Per il secondo anno consecutivo la scelta per il premio “Libro d’oro” alla mia miglior lettura dell’anno solare 2009 é relativamente facile. In effetti sulla scia della schiacciante vittoria di “Everyman” nella scorsa edizione ho passato buona parte dei primi mesi dell’anno a leggere e rileggere Philip Roth.
Quasi matematico quindi che fosse una sua opera ad ottenere il riconoscimento. E’ la prima volta che un autore vince per due anni di seguito – mi sono anche chiesto se la cosa fosse regolare ma d’altronde il premio é mio e le regole le faccio io. Il premio 2009 va quindi a “Il complotto contro l’America” di Philip Roth.
E’ un libro straordinario in cui Roth reinventa la storia degli Stati Uniti e del mondo e ce la presenta vista ed intensamente vissuta da una famiglia ebrea di Newark. Nel 1940 é Lindbergh e non Roosvelt a vincere le elezioni presidenziali. Le conseguenze sono drammatiche: isolazionismo, intesa con Hitler, dubbi programmi di programmi di promozione dell’ integrazione degli ebrei nella società americana.
Un’opera politica potente, di ampio respiro ed allo stesso tempo il racconto appassionante di vicissitudini e sentimenti personali. Un libro che riafferma una volta di piu’ la supremazia del romanzo su ogni altra forma letteraria.



Questa rassegna non prevede medaglie d’argento o premi di consolazione. Tuttavia voglio segnalare almeno un altro paio di libri che mi hanno appassionato. “Il potere del cane” di Don Winslow, un noir intenso e selvaggio su droga e narcotraffico ambientato fra Messico e Stati Uniti. Questo libro che racconta in modo molto verosimile le pratiche delle svariate sporche guerre combattute dagli americani in America Latina politicamente é un po’ il rovescio della medaglia rispetto al libro di Roth.
La bravura di Winslow – di cui ho amato tantissimo anche “L’inverno di Frankie Machine” – é soprattutto quella di tenere con grande naturalezza le fila di un intreccio complesso e di seguire come un regista cinematografico le vite dei numerosi personaggi.

Infine il sorprendente “La morte di Bunny Munro” di Nick Cave (si proprio lui), un libro comico e tragico, vero ed inverosimile scritto benissimo e con un ritmo sfrenato. Una grossa delusione invece ho avuto da “American Gods” di Neil Gaiman da cui mi attendevo moltissimo specie dopo un inizio affascinante e che invece poi ho finito quasi solo per rispetto sfiancato dall’eccesiva astrusità del racconto.

Buon 2010 letterario a tutti nel cinquantesimo anniversario della morte di Camus

{ 7 comments… read them below or add one }

Teoz 04/01/2010 at 8:58 pm

Ciao, volevo solo segnalare che "La famiglia Winshaw" ha vinto il libro d'oro nel 2002.

Teoz.

donata 05/01/2010 at 8:46 am

vi siete chiesti come mai gli scrittori che ci piacciono sono sempre americani e non recenti?

zack 05/01/2010 at 8:20 pm

i miei di quest'anno: le correzioni di franzen (già libro d'oro). una cosa divertente che non farò mai più di wallace (recensito su questo blog). memorie di un soldato bambino di beah (recensito sul mio blog). tra i non romanzi l'epocale Link di Barabasi. tra gli italiani una citazione per italia de profundis di genna e memoria del vuoto di fois.

zack 05/01/2010 at 8:24 pm

Perchè perché gli americani (USA), sono i migliori del nostro tempo, nella letteratura e anche nel cinema. E forse è così perchè sono un impero in decadenza, e quindi esprimono il meglio nelle arti e nella cultura.

cortedellupo 06/01/2010 at 8:39 pm

Ciao,
ho letto negli anni passati sia "Il complotto contro l'america" che "la famiglia Winshaw" ed in effetti sono dei libri molto interessanti.
Per quanto mi riguarda il 2009 è stato l'anno di Vargas Llosa e metterei a pari merito "Pantaleon e le visitatrici" e "La zia Julia e lo scribacchino"…in effetti entrambi non propriamente contemporanei..

Teoz 06/01/2010 at 9:33 pm

…Lansdale, Leonard, Pahlaniuk.

Teoz 07/01/2010 at 10:42 am

Verificando i le passate edizioni risulta che hanno vinto :

3 volte USA
2 volte Italia e Sudafrica
1 volta e mezza Francia (Todorov é bulgaro ma scrive in francese)
1 Cile, Colombia, portogallo, Uruguay, Russia, Polonia, Grand Bretagna, Belgio, Somalia
0.5 Bulgaria

Leave a Comment

Previous post:

Next post: